• Blog Stats

    • 248 090 hits
  • Entrer votre adresse e-mail pour vous inscrire à ce blog et recevoir les notifications des nouveaux articles par courriel.

    Rejoignez 1 244 autres abonnés

  • Mieux Notés

  • Catégories

  • Page Facebook

  • Profil LinkedIn

  • Je débute. Laissez-moi un commentaire ou une mention J'aime :)

Cultura francese: Il palazzo dell’Eliseo

Il palazzo dell’Eliseo, detto l’Élysée, è un antica residenza parigina, sita al no 55 della rue du Faubourg-Saint-Honoré, nell’ ottavo distretto di Parigi. E’ la sede della Presidenza della Repubblica francese.

@commons Wikipedia

Palazzo dell’Eliseo – Parigi

Costruito dall’architetto Armand-Claude Mollet nel 1720, il palazzo dell’Eliseo ha una storia illustre : nel 1753 venne offerto da Louis XV alla sua favorita, la marchesa di Pompadour, per poi diventare il palazzo principesco di Joachim Murat. Napoleone I° ne fece la sua residenza imperiale nel 1805.  Suo nipote Napoleone III°, primo presidente della Repubblica francese, lo occupo’ a partire dal 1848.

L’Eliseo è sempre stato la residenza ufficiale dei presidenti della Repubblica francese,  ed è ad oggi occupato da Emmanuel Macron, presidente della Repubblica dal.

Il sito ufficiale dell’Eliseo propone una visita fotografica di questo splendido palazzo, che troverete qui.

Lancement d’une certification des restaurants « italiens » à l’étranger

Les restaurants italiens à l’étranger recevront bientôt une certification de leur authenticité.

 

En tant qu’italienne, je n’ai jamais eu de difficulté à reconnaître les vrais restaurants italiens ici en France et dans le monde. Je n’en fréquente pas souvent –car je maîtrise la cuisine italienne et je préfère préparer moi-même les plats de mon pays- mais il m’arrive de manger italien à l’extérieur quand j’ai envie d’une bonne pizza, le four domestique n’étant pas assez puissant pour sa cuisson.

Je suis née en Italie et j’y ai vécu pendant 20 ans : la cuisine italienne et ses produits n’ont pas de secrets pour moi. Ainsi je reconnais presque les yeux fermés un restaurant italien authentique, et j’ai toujours recommandé à mes amis étrangers de prêter attentions à certains indices avant de s’attabler: une enseigne et/ou un menu écrits en français ou en mauvais italien sont d’excellents indicateurs d’usurpation d’appellation. Des noms de produits estropiés, des ingrédients insolites dans des recettes soi-disant italiennes (ananas, frites, fromages français etc. sur une pizza) confirment qu’il s’agit d’un « faux » italien. Cependant, à moins de maîtriser parfaitement la langue italienne et de connaître toutes les spécialités et produits de la péninsule, les étrangers peuvent tomber dans le piège.

Little Italy corriere della sera @commons

Little Italy corriere della sera @commons

Forte de ce constat, l’entreprise italienne Asacert certifiera donc dorénavant les restaurants qui se définissent «Italiens» à l’étranger et en Italie, en attribuant une marque de référence aux entreprises de restauration qui, à travers le monde, utilisent « l’italianité » de manière légitime, par l’emploi de produits et de techniques véritablement italiens. Cette certification permettra aux clients des restaurants de distinguer les italiens authentiques de ceux qui ne méritent pas cette appellation et qui, en tirant parti de l’excellente réputation de la gastronomie italienne dans le monde entier, nuisent non seulement aux clients, mais également à l’Italie.

Dans le cadre de ce projet Fabrizio Capaccioli, président d’Asacert, a développé un partenariat avec Poste Italiane (les Postes Italiennes), qui viendront soutenir la logistique des exercices s’approvisionnant uniquement en matières premières italiennes, tandis qu’une société spécialisée en technologie développera une application qui permettra de localiser «les vrais  restaurants italiens » dans le monde.

Serafina Loggia est l’auteur de cet article, vous êtes libres d’utiliser tout ou partie de son contenu, à condition d’en citer la source.

Le célèbre Homme de Vitruve de Léonard de Vinci ne viendra pas en France

La Justice Italienne, saisie par l’association Italia Nostra,  a suspendu l’autorisation de sortie du territoire du célèbre dessin « L’homme de Vitruve » de Léonard de Vinci. D’autres œuvres du maître pourraient ne pas être présentées à Paris lors de l’exposition blockbuster qui doit ouvrir ses portes dans 13 jours au musée du Louvre.

uomo-vitruviano-di-leonardo-foto-wikipedia-commons

C’est une mauvaise nouvelle pour la France, qui s’était récemment accordée avec l’Italie pour les prêts croisés des œuvres de Léonard de Vinci au Louvre et de celles de Raphaël à la Scuderie del Quirinale en 2020. Décision du Ministre italien de la Culture, Dario Franceschini, contestée par l’association de défense du patrimoine Italia Nostra, qui s’est opposée à la sortie du territoire italien de ces œuvres, et principalement de l’Homme de Vitruve, illustre dessin à la plume conservé aux Gallerie dell’Accademia de Vénétie. L’extrême fragilité de l’œuvre insigne des collections italiennes n’est pas le seul argument avancé par l’association, qui a souligné également l’illégitimité de l’accord conclu, en déposant plainte pour violation de l’article 66, alinéa 2, du code italien des Biens culturels selon lequel « ne peuvent sortir de la République les biens qui constituent le fonds principal d’un département déterminé et organique d’un musée ».

La décision du tribunal administratif de Vénétie remet donc en cause l’accord d’échange entre les deux pays, en attendant la décision finale de la justice lors d’une audience prévue ce 16 octobre.

Serafina Loggia est l’auteur de cet article, vous êtes libres d’utiliser tout ou partie de son contenu, à condition d’en citer la source.

EATALY: le temple de la food Italienne débarque enfin à Paris

Le géant Italien de la nourriture, qui compte déjà des magasins dans les villes les plus emblématiques du monde, ouvre bientôt ses portes à Paris.

 

2019_03_March_Eataly_PastaWeekCampaign_11

source: eataly.com

Restaurants, épiceries, bar qui flairent bon l’Italie

Eataly n’est pas juste un supermarché spécialisé en gastronomie Italienne, ni simplement un restaurant-bar-lounge. Eataly a autant de succès parce que c’est tout cela à la fois.

D’une surface gigantesque (4000m2), ce temple de la food italienne ouvrira ses portes dans le Marais courant avril 2019 et permettra aux visiteurs gourmands de régaler leurs papilles dans sept spots différents. Ils pourront également choisir de bonnes bouteilles dans une cave qui compte pas moins de 800 références de vins italien. Afin de peaufiner leurs talents culinaires chez eux, les amateurs de spécialités italiennes « home made » pourront faire leurs courses dans les rayons d’une épicerie haut de gamme de 2500 m2 et réaliser ainsi d’eux-mêmes de vraies recettes italiennes.

Mais ce n’est pas tout, car Eataly Paris sera ouvert 7/7, jusqu’à minuit. Vous salivez déjà, n’est-ce pas?

Comment reconnaître un Origan de qualité?

IMG_7858

Origan sauvage de Sicile 

Le marché des herbes aromatiques compte un grand nombre d’offres. Afin de bien choisir, il faut veiller non seulement au prix (par rapport au volume, et au kilo) mais également à la provenance des herbes, à la date de récolte de celles-ci et aux méthodes de traitement.

D’après une étude portant sur le prix des herbes sèches menée par la CLCV en France en 2017,  l’Origan fait partie des herbes de Provence vendues, en France, à un prix pouvant aller jusqu’à 200€/Kg. En ce qui concerne leur provenance, il n’y a que 10% de ces herbes qui sont produites en France, le reste étant importé du Maroc, d’Espagne, d’Albanie et de Pologne.

Alors… Comment choisir le meilleur Origan? La réponse ici

 

 

Sera in Marocco: Marrakech

Scopri Marrakech insieme a me

Il mio primo impatto con il Marocco risale a circa vent’anni fa, in occasione di un raid in jeep nel deserto tra il Marocco e la Mauritania. Dopo aver scoperto il deserto ed essere stata soggiogata dalla sua magia, avevo potuto visitare Zagora et Ouarzazate, che mi erano piaciute al punto di ripromettermi di tornare in questo bel paese. Cosa che ho fatto recentemente, scegliendo pero’ questa volta la città di Marrakech.

IMG_3052.JPG

Moschea Koutubia

Appena messo piede a Marrakech, ho adorato il suo clima: tra i 24 ed i 26 gradi in pieno mese di dicembre, un cielo di un blu intenso con un sole splendente la cui luce esalta i colori conferendo loro uno stupefacente effetto che mi diverto a definire « Full HD ».

IMG_3450

Fontane a Marrakech

Marrakech è una città particolare, che intriga, disturba e può a volte anche spaventare i visitatori. È una miscela unica di vecchio e di nuovo che coesistono in modo più o meno armonioso: basta recarsi dalla Medina (città vecchia) ai quartieri nuovi, lussuosi, di Guéliz e di Hivernage per apprezzarne appieno il contrasto.

IMG_4260.JPG

Nella medina

Non avrete bisogno di piantine per orientarvi nella medina di Marrakech: qualsiasi cosa voi facciate, vi perderete a colpo sicuro nel dedalo delle stradine sprovviste di indicazioni. Il che non è un male, anzi: perdersi a Marrakech è cio’ che c’è di meglio per poterla esplorare e « viverla » come i suoi abitanti.

La medina è il centro storico di Marrakech, la « città vecchia », la parte più caratteristica da visitare. Le sue stradine si  avvolgono e si collegano tra di loro, conducendo spesso a vicoli ciechi. Il turista può a volte sentirsi come intrappolato tra le sue mura, ma osservando bene scoprirà -ben nascoste- molte porte che conducono all’esterno. In ogni caso non c’è nulla da temere: Marrakech è una città relativamente sicura.

Il modo migliore per visitare Marrakech è a piedi, almeno per quel che riguarda la Kasbah (medina), chiusa alle automobili. E’ opportuno alzarsi di buon mattino per visitare i luoghi più frequentati dai turisti, numerosissimi a Marrakech.  La mia raccomandazione è quella di visitare in mattinata o nel primo pomeriggio il palazzo de la Bahia ed i siti « chiusi » in generale. Per poi lasciarvi ammaliare dalla bellezza del palazzo el Badi e delle tombe reali (tombeaux Saadiens) accarezzati dalla luce dorata del sole che si prepara a tramontare. Pianificate dunque le visite di questi siti alla fine della giornata.

IMG_3355.JPG

Palais el Badi

IMG_3376.JPG

Le cicogne del palazzo el Badi

Quando sarete al palazzo el Badi, ricordatevi di alzare lo sguardo: potrete ammirare le cicogne nei loro nidi.

IMG_4534

Nido di cicogne

Approfittate della luce brillante del mattino per visitare il giardino Majorelle. Arrivate all’orario di apertura, se potete anche in anticipo poiché la fila d’attesa davanti all’entrata è sempre lunghissima. Il giardino Majorelle, che circonda la casa dello stilista Yves Saint Laurent, è il sito turistico di Marrakech con il biglietto di entrata più costoso, ma la cui visita vale il prezzo pagato. A pochi passi c’è anche il Museo di Yves Saint Laurent, da visitare assolutamente se, come me, amate l’universo della moda.

IMG_3746.JPG

Jardin Majorelle

Il posto che preferisco a Marrakech? I giardini della Ménara, dove amo recarmi nelle ore in cui il parco è meno affollato, per rigenerarmi e lasciarmi abbagliare, seduta sul bordo dello specchio d’acqua, dal maestoso spettacolo degli Atlanti innevati.

IMG_4299.jpg

Jardins de la Ménara

IMG_4338

giardini della Menara: il mio angolo di paradiso a Marrakech

IMG_4273

Dromedari ai giardini della Menara

La Maison de la Photographie è un piccolo museo che ha un bar molto carino sul tetto, ideale per rinfrescarsi durante il pomeriggio sorseggiando un drink o un té alla menta. I locali che circondano la piazza Jemaa el-Fna hanno anch’essi delle terrazze con vista panoramica, che potrete osservare dall’alto senza essere sottoposti al caos (più o meno) allegro che contraddistingue questa mitica piazza durante tutto il giorno e fino a notte fonda. 

Noterete, andando in giro per la medina e nei souk, che i negozi sono raggruppati per specialità: il souk degli artigiani della pelle, quello degli artigiani del metallo e cosi via.

IMG_3064.JPG

Negozio nel souk degli artigiani del metallo

Immancabile per gli amanti delle spezie è il mercato delle spezie della Mellah (il quartiere ebraico).

IMG_3073.jpg

Souk delle spezie

Sempre nel quartiere della Mellah, non mancate la sinagoga.
Cour de la Synagogue

Cortile della sinagoga

Intérieur de la Synagogue

Interno della sinagoga

Nella medina e nei souks, non stupitevi di essere molestati (le donne in particolare) dai vari venditori che hanno sempre qualche « buon affare » da proporre.  Vi offriranno un té tradizionale, che non è opportuno rifiutare onde evitare di offendere la persona che ve lo offre. Detto cio’, l’aver accettato di assaggiare il té o aver discusso degli articoli in vendita non costituisce minimamente un obbligo ad acquistare qualcosa per cui, se nel negozio non vedete nulla che susciti il vostro interesse, sentitevi liberi di andare via a mani vuote, e cio’ anche se il commerciante si mostra scontento. Se, invece, avete visto un articolo che vi interessa, sappiate che in Marocco, negoziare è parte integrante del commercio, per cui i prezzi che vi saranno dati sono stati raddoppiati, talvolta anche triplicati. Preparatevi quindi ad una ferrea negoziazione o se -come me- non amate queste sceneggiate, andate a fare shopping all’esterno della medina (mi sento di raccomandare l’Ensemble Artisanal avenue Mohamed V, dove la qualità degli articoli è accettabile cosi come pure i prezzi, indicati sugli articoli e non negoziabili). Pubblichero’ più in là la mia selezione di indirizzi e di consigli per gli acquisti a Marrakech.
Tra le « attrazioni turistiche » di Marrakech c’è il Souk dei conciatori, di cui non vedrete fotografie qui, poiché sono fuggita non solo dell’odore abominevole, ma anche e soprattutto a causa del tizio che mi inseguiva insistendo per farmi da « guida » (traduzione: per portarmi da uno dei suoi amici pellettieri pronto a vendermi qualcosa).

Se qualcuno dovesse insistere per accompagnarvi in un posto che dovete assolutamente vedere, e subito…. O se cercate l’indirizzo di un sito o di un negozio e doveste sentirvi dire che questo è chiuso, non credeteci. I procacciatori di clienti si servono spesso di questo stratagemma per poi proporvi di « mostrarvi qualcos’altro ». Non fermatevi, dite loro « la choukrane » (no, grazie) e continuate a camminare, ignorandoli. Se doveste avere bisogno di indicazioni rivolgetevi piuttosto ai panifici e ad altri negozi che vi ispirano fiducia, il cui titolare è solo (di modo che non possa proporvi di accompagnarvi). Qualora dovessero proporvelo, evitate di farvi accompagnare: contrariamente a cio’ che vi sarà stato promesso, non si tratta mai di un atto gratuito.

Signore, se come me andate in giro da sole, aspettatevi ad essere costantemente apostrofate da uomini che, dopo un « Hey, la gazelle! » vi diranno, a scelta, frasi tipo: « sei bella » o « sembri una Marocchina » (e cio’ anche se siete alte, bionde ed avete gli occhi azzurri, poiché lo dicono a tutte le donne). A meno che non siate interessate, la mia raccomandazione è di far prova di fermezza e di rispondere che state aspettando vostro marito. Per quel che mi riguarda, non ho esitato a precisare che non sono una « gazzella » e che, quando ci si rivolge a me, lo si fa usando il « Madame »: cio’ permette di mettere subito i puntini sulle « i ». Se qualcuno dovesse diventare troppo aggressivo o mettervi a disagio, non esitate ad alzare la voce: di solito ha l’effetto di calmare i molestatori, che non amano farsi notare. Nei casi più gravi, sappiate che accanto alla piazza centrale di Marrakech esiste una caserma di Polizia Turistica, dedita a trattare i problemi che i turisti potrebbero avere con i Marocchini. Rivolgetevi a loro: stanno li’ per questo motivo.

La gastronomia Marocchina -ed in particolare la pasticceria- è la migliore di tutto il Maghreb. Io amo in modo particolare la Pastilla: un tortino dolce/salato farcito con carne di pollo (la ricetta tradizionale prevede l’uso di carne di piccione), servito caldo spolverato di zucchero a velo e di cannella.

IMG_3915.JPG

Pastilla

Se riuscirete a chiudere gli occhi davanti alle condizioni di igiene approssimative, scoprirete che a Marrakech i piatti più autentici sono quelli venduti sulle bancarelle in strada. Mi sento di sconsigliare i ristoranti che si trovano attorno alla piazza: si tratta delle classiche « trappole per turisti » che propongono piatti di qualità discutibile a dei prezzi elevati. Evitate dunque i locali turistici e andate invece dove mangiano i Marocchini. Tra le tante stradine che partono dalla piazza ce n’è una chiamata Mechoui, dove si trovano schiere di negozietti che vendono al peso i piatti tipici marocchini quali la tangia, la tajine, il méchoui (agnello arrostito) e le impressionanti teste di agnello arrostite.

IMG_4538.JPG

Macelleria all’aperto

Le persone che -come me- sono sensibili alla causa animale sopporteranno difficilmente la vista di decine di polli vivi, ammassati in gabbie di poche centimetri quadrati, in attesa di essere sgozzate davanti il cliente che le ha selezionate.

Per chi desidera mangiare all’occidentale i nuovi quartieri Guéliz e Hivernage offrono una grande varietà di bar e di ristoranti del tutto simili a quelli europei in termini di qualità, servizio e prezzi (sic). Pubblichero’ più in là la mia selezione di indirizzi e di consigli per mangiare bene a Marrakech.

Ho trovato su Internet questo video che mostra le bellezze di Marrakech dal punto di vista turistico, e quest’altro video, davvero ben fatto, che presenta il Marocco sotto una luce più vicina alla realtà locale.

IMG_4416

Relax a Marrakech di fronte agli Atlanti innevati

IMG_3460

A Marrakech è sempre il momento giusto per fare una pausa

Se volete godervi appieno Marrakech, imparate a vivere al suo ritmo, a rallentare, a seguire il flusso ed a lasciar scorrere le cose. Marrakech è una città paradossale, che fa innamorare e che esaspera allo stesso tempo, ma una volta trovato l’equilibrio tra questi due stati, ne rimarrete incantati.

Serafina Loggia è l’autore di questo articolo, potete usarne tutto o parte, a condizione di citarne la fonte.

Version en français ici

 

 

 

 

 

 

Cultura: Perché i Francesi regalano fiori di mughetto il 1° maggio?

Il 1 ° maggio non è solo il giorno della festa del lavoro: è anche il giorno in cui i Francesi usano regalare ai loro cari delicati mazzolini di mughetto, simbolo della felicità.

muguet-je-porte-bonheur.jpg

Mughetto (immagine tratta da Internet)

La tradizione di festeggiare il 1° maggio con i fiori non è recente: già nell’antica Roma, infatti, si svolgevano 1° maggio le celebrazioni in onore di Flora, dea dei fiori. Anche i Celti usavano festeggiare l’inizio dell’estate il 1° maggio, e consideravano il fiore di mughetto un portafortuna.

A partire dal 1° maggio 1561, il re Carlo IX inizio’ a distribuire fiori di mughetto alle dame della corte, decidendo che cosi sarebbe stato ogni anno. L’usanza era nata.

Il 1 ° maggio 1895, il cantante Felix Mayol portava all’occhiello, durante la prima dei suoi tour di canto al Concert Parisien, alcuni fiori di mughetto che gli erano stati regalati. La sua serie di concerti fu un trionfo e Mayol decidette di non separarsi più dal fiore, che considerava ormai il suo portafortuna.

Il 1 maggio 1900, durante una festa organizzata dai grandi stilisti di Parigi, tutte le donne ricevettero un ramoscello di mughetto. L’idea piacque alle sarte, che iniziarono a regalarne ogni anno alle loro clienti. Christian Dior ne fece anche l’emblema della sua casa di moda.

Il mughetto è stato infine associato alla festa del lavoro durante il governo di Vichy, quando, nel 1941, il maresciallo Petain istituì il 1° maggio come « Festa del lavoro ».

579144_3683871542584_979109864_n.jpg

Serafina LOGGIA è l’autore di questo articolo. Potete usare tutto o parte del suo contenuto, a condizione di citarne la fonte.